Pubblicità e riflessioni: Pensieri sparsi sull’empowerment, Bes e Dsa

16 Luglio 2015

 img 0201 Chi segue il blog lo sa: mi capita spesso di avviare una riflessione partendo da  un film, un libro o una notizia di cronaca. Oggi vorrei partire da una pubblicità. E no, non utilizzerò – questa volta! – uno spot per rimarcare le differenze di genere o portare alla vostra attenzione il sessismo strisciante che spesso si percepisce in molte immagini che fluiscono attraverso il canale TV. Per una volta vorrei parlarvi di una pubblicità “virtuosa” .

La pubblicità in questione è quella di un’autovettura. Si svolge in un ambiente domestico, un salotto, e i protagonisti sono il bambino – intento a leggere la pagella – e i genitori, seduti vicini, che lo guardano e aspettano impazienti. I voti che il bambino legge sono disastrosi.. Uno..due …tre… Ma nonostante questo i genitori sembrano entusiasti. ” hai preso tre! È già tre volte meglio del voto precedente!” Oppure “ottimo! Ti mancano solo tre punti per raggiungere la sufficienza!”.

Chiaramente lo spot è portato agli eccessi però il messaggio è secondo me interessante e apre la strada ad una bella riflessione che il corso sui Bes e sui Dsa  che sto frequentando ha decisamente favorito. Uno dei principali problemi per i bambin*\ragazz* che possono essere inquadrati tra i Bes o i Dsa è la motivazione. Un problema di apprendimento si riflette inevitabilmente sulla motivazione, per lo studio e per il personale percorso scolastico, del quale l’alunn* non si sente parte. Un bambin* poco motivato sarà più frustrato e percepirà le varie attività didattiche con maggior fatica, come un peso.

Il ruolo del facilitatore dovrebbe essere un po’ come quello dei genitori dello spot: senza spingersi tanto (come nello spot) il facilitatore ha il compito di sostenere la motivazione dell’alunn* e per farlo è essenziale procedere per semplici passaggi: dare meno compiti, eseguire esercizi più semplici ma in autonomia, passare – nell’atto della realizzazione dell’esercizio – da un aiuto, ad un sostegno, ad una supervisione, in modo che percepisca un nuovo senso di autoefficacia.

Promuovere il senso di autoefficacia significa sviluppare l’empowerment, che potremmo definire come il processo – e l’esito – che porta la persona a percepirsi potente. Favorire l’empowerment è fondamentale per tutt*, in qualsiasi momento dell’esistenza, ma acquisisce un valore ulteriore per i bambin* diagnosticati da Dsa o che possiedono Bisogni educativi speciali.
(Immagine tratta da Google)

, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’ombrellone: 6 libri… più 1!

Nelle ultime settimane, complici ritmi di lavoro meno serrati, mi sono dedicata alla lettura di alcuni libri femministi pubblicati recentemente. Perché no, il femminismo non va mai in vacanza! Vi… Leggi di più »

L’Italia non ha ancora fatto i conti con la violenza del suo passato coloniale

In queste ultime settimane si è riacceso il dibattito nei confronti della statua dedicata a Indro Montanelli, celebre firma del Corriere della Sera e fondatore de Il Giornale, presente all’interno… Leggi di più »

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy