Considerazioni – scomode – di una “privilegiata”

23 Giugno 2015

grafico

Una cara amica oggi ha pubblicato un post a proposito degli insegnanti e della cattiva fama che spesso li precede (e che si potrebbe riassumere con quelle chiacchiere da bar che suonano così: “lavorate 18 ore, avete almeno 3 mesi l’anno di vacanze… ma di cosa vi lamentate?”).

Il post in questione è il seguente:

TROVATEMI UN ALTRO LAVORO IN CUI CI SIANO TUTTE, DICO TUTTE, LE SEGUENTI CARATTERISTICHE:
Una o più lauree;
Una o più specializzazioni;
Una o più abilitazioni;
Uno o più master di perfezionamento;
Uno o più corsi di aggiornamento;
Uno o più concorsi vinti o superati;
Un periodo di precariato di durata “media” tra i 3 e i 20 anni circa;
Un’alta probabilità di andare in pensione da precari (cioè disoccupati);
Uno stipendio tra i 400 e i 1300€ max;
Un contratto collettivo nazionale scaduto da 8 anni;
Il cambio della sede di lavoro ogni anno, (da precario e non solo), spesso lontana e scomoda da raggiungere;
Il cambio di uno o più “datori di lavoro” ogni anno o più volte l’anno;
La variazione del “tipo” di lavoro, anche ogni anno (sostegno, discipline varie);
Il cambio di “clientela” ogni anno o più volte l’anno;
La “clientela” numerosa di quartieri difficili o di periferie pericolose;
Il luogo di lavoro con ambienti talmente fatiscenti che a volte ti crollano sopra;
Nessun rimborso spese per benzina o buoni pasto;
Nessuna certezza di avere carta igienica o carta per le fotocopie sul luogo di lavoro;
Il Wi-Fi assente in molti posti di lavoro, sostituito da chiavette personali a carico del lavoratore;
Le numerose varianti dell’handicap psico-fisico da gestire (BES, H, ADHD, DSA…);
Conoscenze approfondite ed aggiornate;
Competenze relazionali, pedagogiche, didattiche, educative e giuridiche;
Il pagamento dello stipendio per le supplenze che arriva anche dopo molti mesi;
Il licenziamento ai primi di giugno o, se si ha fortuna, a fine agosto;
L’incertezza assoluta di un nuovo lavoro a settembre;
Nessun diritto a permessi retribuiti di alcun tipo (se si è precari);
Nessun diritto a prendere ferie quando si vuole, se il Dirigente non le concede (precari e non);
La frequente necessità di trasferirsi in un’altra regione per trovare lavoro;
Il lavoro di correzione e preparazione (mappe concettuali, slide, ppt, riassunti, verifiche tradizionali, strutturate, semi-strutturate, miste, diversificate, differenziate, personalizzate e test) anche di domenica;
I rischi civili e penali (Culpa in vigilando, Culpa in educando);
Gli straordinari h24 non retribuiti (per non parlare dei rischi) come accompagnatore nelle uscite didattiche;
Le spese non rimborsate, durante le uscite didattiche;
Il rischio di ricorsi al TAR da parte della “clientela”;
Il lavoro A LUGLIO (per Esami di Stato, corsi di recupero, esami finali di recupero, scrutini giudizi sospesi ecc…) o A FINE AGOSTO in scuole dove si toccano i 43 gradi;
Il lusso di poter andare in bagno, perché per poter fare i bisogni devi chiedere a qualcuno di buon cuore se ti sostituisce, altrimenti non ti puoi assentare;
Il rischio di minacce, danneggiamenti all’autovettura e aggressioni fisiche;
I rischi legati al pendolarismo (incidenti, danni e/o usura mezzo, patologie cervicali, dorsali e lombari);
I rischi di patologie legate al lavoro usurante (burnout; noduli alle corde vocali; allergie al gesso o agli agenti chimici dei laboratori, disturbi alla vista);
La consapevolezza che non si può “fare carriera”, perché l’unica “carriera” che un docente desidera è il rispetto da parte dell’opinione pubblica e della classe politica, la dignità delle condizioni di lavoro, il rinnovo del contratto e una riforma degna di questo nome.

A me pare che tutte le professioni che hanno a che fare con l’educazione (educatori, educatori professionali, pedagogisti…) possano tranquillamente avere tutti questi requisiti: lavori scomodi, con un’utenza particolare (spesso anche in orari notturni, – che per lo meno ai docenti non è richiesto..almeno per ora! –  senza il minimo affiancamento..penso ai tanti che come me lavorano o hanno lavorato in comunità), sedi spesso difficili da raggiungere, rischi alti (per la propria incolumità o quella di altri), datori di lavoro che cambiano di volta in volta, contratti a termine che lasciano letteralmente “a piedi” il professionista nei mesi in cui non lavora, senza nessun tipo di sussidio o aiuto sindacale. Tutto questo si sposa spesso (“spesso”, non sempre, dato che in molti casi aziende e cooperative preferiscono assumere un OSS – quando va bene – con la stessa qualifica di un educatore, solo per potergli “garantire” ancora meno diritti) con profili professionali di tutto rispetto: lauree, qualifiche, master, aggiornamento professionale costante (spesso pagato di tasca propria).

Questo è il primo grande problema: le professioni afferenti l’educativo e il formativo, in Italia, non ripagano degli sforzi realizzati. Spiace, ma è così.

Seconda questione: le generalizzazioni non mi piacciono. Io sono del parere che le generalizzazioni siano sempre sbagliate: se due operatori dell’Asl (faccio per dire…) timbrano il cartellino e se ne vanno a far la spesa gettano discredito sulla categoria, esattamente come fanno  il docente arrogante e nullafacente o l’educatore incompetente rispetto alla propria categoria professionale.

A mio parere, la riflessione non dovrebbe riguardare le categorie professionali, ma le persone. E in un mondo ideale (mi direte: sicuramente ben lontano da quello nel quale siamo costretti a vivere) le persone dovrebbero poter aspirare a criteri meritocratici di valutazione.

Se proprio vogliamo fare un discorso “di classe” (la “classe di docenti” vs. “la classe degli educatori”, o “degli impiegati del catasto”..o quella che volete) direi che il problema è intergenerazionale: se  – come ha scritto Jacopo in un recente post su facebook –  l’Italia possiede il 130% del debito pubblico

significa una cosa, in soldoni: la generazione prima di noi si è pagata il benessere con i nostri soldi. Chi ora è costretto a farsi campare da suo padre o da sua nonna non è un bamboccione: richiede solo indietro i suoi soldi.

E’ evidente che una certa generazione ha vissuto ben al di sopra delle proprie possibilità ipotecando in parte il nostro futuro.

Il futuro di chi ora  precario e non accetta di essere anche definito “privilegiato”. Perché non lo è.

Qualche link a margine di questo mio sfogo:

http://www.rivistastudio.com/standard/lotta-di-classe-anagrafica/

http://munafo.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/03/26/essere-giovane-in-italia-fa-schifo-e-questi-7-grafici-ne-sono-la-prova-definitiva/?ref=fbpe

, , , , ,

6 responses

  1. IDA ha detto:

    Sintesi per non fare un romanzo:
    L’aumento del debito pubblico non può essere certo addebitato all’istruzione: 4.2% del pil.
    Non sono certo gli operai, l’insegnanti, i semplici dipendenti pubblici che hanno vissuto al di sopra delle loro possibilità.
    Il lavoro dell’insegnante non finisce con le canoniche 18 ore.
    Certo ci sono categorie più, svantaggiate a confronto di quello dell’insegnante, ma di certo questo non ne fa un privilegiato.
    è assurdo parlare di merito quando si fanno riforme in cui si accentra il potere nelle lobby di segreteria. (moratti, germini,renzi, riforme che mirano a svilire il ruolo dell’insegnante e a distruggere la scuola pubblica.)
    è assurdo parlare di qualità nella scuola, la qualità costa, e l’insegnanti sono sottopagati..

    1. alessiadulbecco ha detto:

      cara Ida, procedo anche io per sintesi:
      – non ho detto che il debito pubblico sia imputabile all’istruzione! ho detto che se oggi ci troviamo con un debito pubblico così alto è a causa di una generazione che ha vissuto ben al di sopra delle proprie possibilità. inutile nascondersi dietro ad un dito: se parlo coi miei genitori (dipendenti pubblici ora in pensione) e con tante altre persone appartenenti alla fascia 50-70anni mi ritrovo ad ascoltare discorsi da irresponsabili, come se lo Stato fosse stato una simpatica vacca grassa, da spremere fin che ciò è stato possibile. se parlo con giovani della mia età, anche impiegati statali ma assunti con contratti molto più “light” questi discorsi non li sento più. Ovviamente non dico che i primi sono i cattivi e gli altri sono i buoni, dico semplicemente che le cose sono cambiate e che se forse non si fossero scialacquate tante risorse pubbliche ora non staremmo qui a parlare di privilegiati!
      – nell’articolo non ho detto che la professione dell’insegnante è ricca di privilegi e fatta da privilegiati! anzi, ho ribadito l’importanza di smetterla di parlare di “classi” di lavoratori. Non esiste la “classe” dei buoni bravi operai e dei brutti e cattivi imprenditori. C’è del buono e del marcio in ogni categoria, dato che le categorie sono composte di persone,
      un caro saluto!

      1. IDA ha detto:

        Anche quello della vacca grassa penso che sia un luogo comune, o meglio un modo per colpevolizzare le vittime. In realtà, chi ha considerato e continua a considerare lo stato come una mucca da mungere sono le grandi imprese, (non certo le piccole e medie, neppure i dipendenti privati e pubblici). Il grande capitalismo vive sull’assistenza statale. Basta pensare al modello americano e in Italia Fiat e Ilva.
        Le tasse si pagano, e i dipendenti le pagano tutte, in cambio di servizi, pretendere questi servizi, non vuol dire mungere la vacca. Da quando si è invertito il processo, con i discorsi tipo, meno tasse, il risultato è che si paga il doppio di tasse con meno servizi ed è aumentato il debito pubblico. Io personalmente sono disposta, in cambio di maggiori servizi a pagare più tasse.
        Ma se come ultimamente, per fare degli accertamenti diagnostici ho speso 250 euro di ticket, che sono il 20% del mio stipendio, mi chiedo che le pago a fare le tasse?
        Poi siamo sicuri che diminuendo i costi dei dipendenti pubblici si risparmi? No! Basta vedere i bilanci delle amministrazioni pubbliche, i costi del personale è stabile da anni, ma i costi totali lievitano tutti gli anni.
        Non penso che ci siano buoni o cattivi, la responsabilità è individuale, ma sono i sistemi sociali e produttivi che possono essere buoni o cattivi.. un saluto e grazie dell’attenzione..

        1. alessiadulbecco ha detto:

          quando dici che la responsabilità è individuale e non ci sono buoni e cattivi ci intendiamo perfettamente. E’ esattamente il mio pensiero. E’ chiaro che un dipendente le tasse le paga tutte, ripeto: sono figlia di dipendenti e so bene le tante difficoltà che il ceto medio ha dovuto e deve ancoraoggi attraversare. ed è chiaro che i servizi devono esserci.
          quando mi riferisco alla “vacca grassa” penso a persone (ribadisco: persone conosciute per davvero, non discorsi generici) che ritengono giusto prendere permessi come quelli sanciti dalla 104 non certamente per dedicarsi al parente disabile ma per andare al mare o a fare shopping (persone che ti dicono: ah, mi raccomando, non taggarmi su fb che il datore di lavoro pensa che abbia portato mio papà a fare un accertamento…”)..ecco, mi chiedo: questo comportamento come incide sulla situazione lavorativa di chi, come me, sta lavorando immersa nel precariato da quando ha iniziato?

    2. alessiadulbecco ha detto:

      un saluto a te e grazie per il dibattito!

      1. IDA ha detto:

        Graie a te… e scusa se sono polemica, ma su questi argomenti mi infiammo.. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy