Web e omofobia

17 Gennaio 2015

Un paio di giorni fa ho scritto un breve articolo riferito al video di Saverio Tommasi e ai numerosi commenti omofobi che ha suscitato tra tante, troppe persone.

La stessa cosa è accaduta al canale You tube Bonsai tv: lo scorso 14 novembre ha pubblicato un filmato – Omofobia, 5 cose da far sapere a tutti – che vuole raccontare alcune cose sull’omofobia (in quali paesi si può essere condannati a morte per omosessualità, in quali si può essere imprigionati, cosa fare se si è vittima di omofobia etc..).

Il filmato è stato preso di mira da più di un centinaio di utenti che hanno lasciato – a corredo del video – circa duecento commenti a sfondo chiaramente omofobo.

I commenti sono stati raccolti e sono diventati oggetto di un nuovo filmato, che vi consiglio di vedere

Ogni tanto incontro qualche amico che mi dice che forse sopravvaluto il problema: spesso chi scrive in rete fa fatica ad esprimersi in italiano, figuriamoci se ha anche solo una minima competenza in materia lgbtq.

Vero, sicuramente non esprimono alcun tipo di opinione ragionata sull’argomento  – nemmeno coloro i quali scrivono appellandosi a improbabili “ricerche e studi scientifici” che utilizzano a sostegno delle proprie teorie – ma è anche vero che le parole sono pietre, come diceva Carlo Levi, e che un certo modo di parlare è indicativo di un certo modo di pensare.

, , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy