Ricomincia la scuola: istruzioni per l’uso

14 Settembre 2015

img 0405
Bene, ci siamo… la fatidica data è finalmente giunta: Ricomincia la scuola!

Complice il fatto di avere due nipoti alle prese, rispettivamente, con una terza e una quinta elementare ho atteso questa data con un po’ di apprensione, tra compiti da terminare, cartelle da preparare e la motivazione sotto i piedi! Immagino che per chi è alle prese con un inserimento alla scuola dell’infanzia o alle elementari la fatidica data X sarà ancor più carica di sentimenti ed emozioni, positivi e negativi.

Pensando a tutti i genitori – non importa se sorridenti come la mamma ritratta in foto o disperati, già alle prese con una possibile sindrome da ‘nido vuoto’ da affrontare – ho pensato di buttare giù due o tre semplici consigli da tenere a mente in questi giorni un po’ concitati:

Per tutt* vale una sola grande regola: ogni passaggio si affronta meglio se lo si accoglie con apertura. Se ci si pone in una modalità respingente o se si vive il tutto all’insegna della preoccupazione ogni passo sarà faticoso e ci sovraccaricherà di un fardello di inutili apprensioni. E’ vero: spesso sono passaggi complicati…ma bellissimi. Scegliere su cosa concentrarsi dipende solo da noi!

Ai genitori che si apprestano a compiere il lungo commino dell’inserimento raccomando tanta pazienza. Il percorso è lungo ma, vedrete, vi ripagherà. È il momento giusto per farsi una carezza, come si dice in Analisi Transazionale. Datevi un riconoscimento: per il vostro ruolo, per ciò che avete fatto, a volte con semplicità a volte con grande fatica. nei piccoli passi che porteranno il vostro piccol* ad essere autonomo e ad incontrare i coetanei nella prima esperienza di allontanamento da casa ritroverete il vostro percorso, le vostre scelte genitoriali.

Per coloro che cominciano l’avventura della scuola primaria la parola d’ordine è tranquillità. La prima elementare è una tappa molto complessa, i vostri bambin* si troveranno a compiere passi da gigante: li lascerete a settembre ancora incapaci di scrivere e li ritroverete a dicembre con,  in mano, la letterina di fine anno. Favorite i loro progressi con la calma e la tranquillità, non affrettate i passi, non richiedete ai vostri figl* di velocizzare la loro “andatura” solo per fare contenti voi. Godetevi ogni momento: saranno irripetibili!

Per chi, invece, si trova a metà o alla fine del percorso delle elementari ricordo l’importanza di una buona comunicazione scuola-famiglia. Se dovesse presentarsi qualche problemuccio (penso ad un bisogno educativo speciale, ad esempio) la velocità nella gestione dei rapporti comunicativi può fare la differenza. Un’altra parola chiave è ‘attenzione’: dato che i passaggi importanti sono già stati affrontati ci può essere la tendenza di delegare un po’ il compito educativo. Il mio consiglio invece è di rimanere concentrati, dare attenzione, premiare le conquiste giornaliere dei vostri ragazz*.

Certo, questi sono suggerimenti validi per tutt*…ma che fare se subito si manifesta un problema? Se la scelta della scuola non si è rivelata così adeguata come pensavamo, se non riusciamo a gestire lo stress che questo periodo può causare?  E’ importante riconoscere di sentirsi in un momento faticoso. Una volta ammessa a se stessi questa difficoltà la strada è in discesa: è possibile cominciare a confrontarsi con gli altri genitori, richiedere un colloquio con le/gli insegnanti per conoscere i servizi che la scuola mette a disposizione (doposcuola per i bambin*, sportelli pedagogici per gli adulti…). Se invece i problemi da affrontare hanno bisogno di più spazio è possibile chiedere un supporto specifico rivolgendosi ai professionisti che si occupano di educazione e formazione: nel dialogo e nell’ascolto troverete il modo di chiarire il vostro punto di vista e guardare alle cose da altre angolazioni che non avevate neppure considerato.

A tutt*: bambin*, genitori, insegnanti e personale tecnico e ausiliario…un buon anno scolastico!

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy