Produrre opinioni per costruire ponti

14 Novembre 2015

 img 0452 
I fatti accaduti in queste ultime ora, a Parigi, mi obbligano a fare una riflessione. Una di quelle riflessioni a gamba tesa, che mi procurano solo occhiatacce e grugniti da parte de “la massa” che decide sia cosa buona e giusta esprimere il proprio punto di vista – nella maggior parte dei casi non richiesto – allo scopo di definire chi ha ragione. Ha ragione la Francia a chiudere le frontiere? Hanno ragione le tante persone comuni che si sentono minacciate da altrettante persone comuni, solo con un abbigliamento diverso rispetto al nostro? O forse sono dalla parte della ragione coloro che ritengono gli immigrati, i migranti e tutte le altre persone degne di protezione e assolutamente non complici di questi fatti?  Hanno ragione i giornalisti di Libero a titolare ‘bastardi islamici’?  hanno ragione quelli che postano frasi contro la religione (‘dio non esiste, altrimenti non permetterebbe fatti simili’, le religioni sono il problema…)? 

Chissà, forse non è un caso che oggi sia al Cam, centro uomini maltrattanti di Firenze, a parlare di agiti violenti, di rabbia e di strategie per aiutare, attraverso la relazione di cura, a rendere lecito l’illecito per citare le parole del nostro relatore Mario De Maglie.

In questa prima parte di incontro, terminata da poco, si è discusso di violenza definendola anzitutto un fenomeno complesso: cercare di semplificarla porta ad uno svilimento del problema che non rende giustizia e non è utile ad inquadrarla per comprenderla.

Sicuramente rabbia e violenza collegate (anche da un punto di vista etimologico). Sono i fatti a spiegare questo collegamento: prendiamo i tanti dibattiti presenti oggi in rete sui fatti di Parigi. Ciò che conta è avere ragione, avere l’ultima parola. L’ascolto, il dialogo non sono contemplati. Si parla solo perché la notizia è calda e perché ci sentiamo legittimati ad esprimere il nostro punto di vista. Non ci chiediamo però a cosa serva, in un contesto di emergenza come questo, esprimerlo. È forse funzionale a creare un ponte, un collegamento tra opposte fazioni? O serve solo a me per poter urlare al mondo ‘avete visto! Avevo ragione io ! Sarebbe meglio che le religioni non esistessero! Ma poi, queste fazioni, sono davvero così opposte? A volte sono talmente impegnate ad alzare la voce (per rimarcare il proprio predominio sul contesto) da non accorgersi che non sono poi nemmeno così discordanti, le loro opinioni. 

A volte si tratta solo di accogliere: accogliere la paura, accogliere la rabbia, accogliere quelle emozioni scomode che ci hanno insegnato a non provare o a provarle solo in determinate situazioni, trasformandole magari in motivi di rivalsa sugli altri. Rabbia e paura sono legittime in un contesto come quello di oggi, ognuno però dovrebbe imparare ad esprimerle: senza accuse, senza giudizi, senza stabilire vincitori e vinti, o peggio, assassini o vittime. Se si provasse a giudicare meno, a stabilire diritti e ragioni, ma solo ad ascoltare e accogliere, forse si potrebbe fare un passo avanti. Potremmo rimanere stupiti dalle motivazioni che portano qualcuno a scagliarsi contro ‘gli immigrati’ o contro le religioni, o a scagliarsi contro chi si scaglia contro gli immigrati. Sarebbe bello se riuscissimo a trarre da questi tragici eventi almeno una cosa positiva: imparare ad ascoltarci, a costruire ponti, a non voler avere ragione ad ogni costo. Che tanto, davanti alla tragicità dell’esistenza, aver ragione serve davvero a poco.

, , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’ombrellone: 6 libri… più 1!

Nelle ultime settimane, complici ritmi di lavoro meno serrati, mi sono dedicata alla lettura di alcuni libri femministi pubblicati recentemente. Perché no, il femminismo non va mai in vacanza! Vi… Leggi di più »

L’Italia non ha ancora fatto i conti con la violenza del suo passato coloniale

In queste ultime settimane si è riacceso il dibattito nei confronti della statua dedicata a Indro Montanelli, celebre firma del Corriere della Sera e fondatore de Il Giornale, presente all’interno… Leggi di più »

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy