per un 2015 un po’ più “giusto”

31 Dicembre 2014

Proprio ieri ho scritto due righe a commento del bel documentario “Ci chiamano diversi”. Il suo punto di forza, a mio modo di vedere, risiede nelle interviste e nei commenti che l’autore ha registrato – girando l’Italia intera – ascoltando le voci di chi ogni giorno lavora/sostiene le associazioni LGBTI.

Una delle intervistate sosteneva che nel corso degli anni si è verificato un cambiamento: se prima il problema erano i “gay”, proprio in quanto persone, ora il problema si è spostato sui diritti che questi richiedono. Ovviamente la questione è semplicemente ribaltata: negare i diritti significa negare l’esistenza della persona.

Questa mattina leggo la notizia di una giovane di 17 anni che si è suicidata, in Ohio, perché i genitori non hanno mai accettato la sua decisione di adeguare la propria condizione biologica a quella psicologica e al proprio orientamento sessuale. La ragazza prima di suicidarsi ha scritto una lettera nella quale racconta le vessazioni subite dagli psicologi – probabili sostenitori della teoria riabilitativa – dai quali i genitori la costringevano ad andare e l’isolamento nel quale mamma e papà l’hanno costretta:

Mi hanno obbligata a lasciare la scuola, mi hanno tolto il computer e il telefono, mi hanno proibito di comunicare attraverso i social, mi hanno isolata completamente dagli amici. È stato il periodo più depresso della mia vita, è stato un miracolo che non mi sia suicidata. Sono rimasta completamente sola per 5 mesi. Senza amici, senza aiuto, senza amore. Soltanto la delusione dei miei genitori e la crudeltà della solitudine”.

Leggendo le parole di Leelah mi tornano alla mente quelle di una attivista intervistata nel video di Vincenzo Monaco: siamo tolleranti con i gay a patto che siano figli degli altri. Il fenomeno a livello sociale inizia a essere compreso, ma quando capita all’interno delle famiglie sono ancora troppi i tabù che devono essere abbattuti, a cominciare con le aspettative deluse e alla genitorialità che – in qualche modo – si sente ferita dall’apprendere una notizia simile.

C’è ancora molto da fare e per questo auguro un buon 2015 a chi lavora per sensibilizzare giovani e meno giovani a questi argomenti,  a chi sostiene con azioni dirette e concrete chi non può affermare liberamente i propri diritti a chi combatte per cambiare le cose.

, , , ,

2 responses

  1. Ma Bohème ha detto:

    Serve tanto equilibrato buon senso, e ne vedo sempre meno.
    Mi unisco ai tuoi auguri e, a te, un sereno Anno Nuovo 🙂
    Primula

    1. alessiadulbecco ha detto:

      Auguri a te, Primula!
      Alessia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy