La buona madre non esiste

29 Giugno 2020

Il mio articolo su L’Indiscreto:

(…) A ogni modo, la campagna ha riportato in primo piano un argomento interessante, la percezione sociale della maternità e della gravidanza. Per quanto oggi diventare madre non costituisca più un destino inevitabile, la pressione sociale resta fortissima grazie al mantenimento di un immaginario punitivo nei confronti delle donne che scelgono di tutelare la propria libertà individuale.

Questa condanna, infatti, traspare non tanto rispetto alle donne che scelgono di non fare figli (il movimento Childfree, esploso degli ultimi anni, dimostra che vi è più tolleranza nei loro riguardi) ma soprattutto nei confronti delle donne che, pur scegliendo di fare un figlio, non si immolano totalmente sull’altare della maternità. Chi sostiene questa visione ritiene che l’amore materno – tratto distintivo di ogni donna – dovrebbe considerare il benessere del bambino come priorità assoluta rispetto al quale sacrificare ambizioni, desideri e libertà.

 

Se vuoi leggerlo, vai qui

 

WOA IMAGE 1 1 1311x680 1

in copertina Honoré Daumier, The burden

 

L’idea di maternità è cambiata molto nel corso degli ultimi secoli, e lo stesso è accaduto negli ultimi anni. Conoscere questa storia ci aiuta a capire perché una “buona madre” non esiste, ma anche perché la parità tra i sessi e tra i ruoli genitoriali è fondamentale.

 

, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy