Il sessismo strisciante

6 Maggio 2015

Prendete una notizia, una notizia banale, per la quale di certo il giornalista non vincerà alcun premio.

Questa, ad esempio:

http://www.huffingtonpost.it/2015/05/04/divorzio-breve-separano-dopo-tre-giorni-matrimonio_n_7202966.html

La notizia è appara sull’ huffington post ma io l’ho trovata attraverso una pagina Facebook che si chiama “Ah, ma non è Lercio”. Si tratta di una pagina che ha proprio lo scopo di raccogliere quelle notizie che un vero giornalista non dovrebbe nemmeno sognarsi di scrivere –  per evitare di fare la figura dell’idiota – e che un vero giornale non dovrebbe neppure sognarsi di ospitare sulle proprie pagine, in formato web o cartaceo.

La notizia di per sé è decisamente anonima: due persone si frequentano per anni coltivando però una storia a distanza. Si sposano dopo molti anni e la loro prima prova di convivenza va malissimo. Decidono subito di divorziare. Fin qui, nulla di strano. Ognuno fa ciò che meglio crede, soprattutto quando queste scelte non sono un problema per gli altri 7 miliardi di persone su  questa terra.

Chiedo però, a chi possiede un account FB, di cercare la pagina in questione e questa notizia perché troverà anche tutti i commenti che gli utenti hanno postato.

Immagine

C’è gente che non ha dubbi: se si sono separati è perché lei era una puttana.

Paradossalmente non ci sono elementi per tirare nessun tipo di conclusione, ma per alcuni non ce n’è bisogno: la risposta è chiara.

Potevano aver litigato in aereo per il posto su cui sedersi, ma per alcuni non ci sono dubbi.

Potevano aver litigato durante l’organizzazione del matrimonio…quel momento in cui il povero neo marito deve far ballare la prozia novantenne della sposa e che lui proprio no, non voleva fare. Ma per alcuni no,  non ci sono dubbi.

Potevano aver litigato guardando una partita di calcio.  Ma per alcuni no,  non ci sono dubbi.

Parafrasando il mitico Toy Story:

img 0061

, , , , , ,

2 responses

  1. Paolo ha detto:

    sessismo, nient’altro che questo. Nessuno ha pensato che pure lui poteva essere adultero

  2. alessiadulbecco ha detto:

    Caro Paolo, se scorri i messaggi sulla pagina troverai un commento che prova a sottolineare quanto dici tu, ovvero che anche lui poteva avere le sue colpe nella fine della relazione. Quello che non mi stupisce è che questa ipotesi sia stata fatta…da una donna. E, di nuovo non mi stupisco, è stata allegramente ignorata da tutti…
    un saluto e continua a seguirmi! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’albero

Le festività natalizie possono trasformarsi in un’occasione per approfondire temi e letture che durante l’anno siamo costrettə a rimandare perché ahimè il tempo è tiranno. Qui qualche suggerimento, nel caso… Leggi di più »

La rabbia e il genere

Su L’indiscreto potete trovare il mio ultimo articolo, all’interno del quale mi sono occupata di riflettere su una delle emozioni universali (la rabbia, appunto) e su come essa venga interpretata… Leggi di più »

I nostri ostacoli: quella violenza che non si vede

Nel 1999,  l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha scelto il giorno del 25 novembre come data simbolo per ricordare le numerose forme di violenza subite dalle donne. In Italia, sono… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2021 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy