Donne, stereotipi e sessismo: un paio di iniziative per un efficace contrasto

19 Dicembre 2014

Se, ieri, ho voluto portare l’attenzione attorno al volume realizzato e reso gratuitamente disponibile dall’associazione Giulia, oggi vorrei parlarvi di un altro paio di iniziative importanti: la prima è la campagna #giornalismodifferente, proposta da narrazioni differenti, la seconda è la proposta di Scosse per un Natale senza stereotipi .

L’iniziativa di Narrazioni differenti è stata lanciata proprio in occasione del 25 novembre. L’obiettivo è portare l’attenzione attorno alla terminologia impiegata dai giornalisti per raccontare, negli articoli che appaiono sui giornali o nei servizi in tv, il feminicidio e la violenza di genere. Allo scopo le autrici hanno realizzato un breve filmato che raccoglie e denuncia il lessico improprio – a tratti svilente- usato dai media. Oltre al linguaggio si pone grande attenzione alle immagini che vengono scelte per accompagnare l’articolo, la maggior parte delle quali risponde a vecchi stereotipi  che vedono la donna come o tentatrice, come colei che ha compartecipato al reato subito, o come vittima da difendere.

L’altra iniziativa, realizzata da Scosse, associazione di promozione sociale con sede in Roma, vede al centro della propria riflessione il mondo dei giocattoli e gli stereotipi che essi, spesso, veicolano. La campagna è stata lanciata nel mese di dicembre, proprio perché è in questo periodo che i genitori, presi dalla smania del regalo perfetto per i propri figli, finiscono spesso per assecondare le strategie di marketing che propongono giochi differenziati rigidamente in base al genere. La campagna vuole sensibilizzare i cittadini attraverso semplici gesti: individuare i giochi che veicolano immagini stereotipate o al contrario quelli che optano per una maggiore libertà dei ruoli (ad esempio i giochi in scatola a carattere scientifico con protagonista una bambina che gioca a fare la “piccola chimica”); apporre sulle confezioni i simboli atti a identificare i giochi “positivi” o “negativi” (utilizzando il logo scaricabile dal sito) e condividere la foto della confezione del giocattolo sui social, proprio per  una maggiore diffusione del messaggio.

Credo nell’utilità di entrambe le iniziative ma – considerato anche il periodo prenatalizio – direi che quella di Scosse possa portare a ottimi risultati anche nell’immediato. Il messaggio è molto semplice, facilmente esportabile e potenzialmente recepibile da tutti. Per questo suggerisco a tutti di diffondere il più possibile questa proposta: non sarebbe bello se bambine e bambini trovassero sotto l’albero giocattoli in grado di ampliare le loro possibilità di essere, anziché precluderli in mondi preconfezionati?

, , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’ombrellone: 6 libri… più 1!

Nelle ultime settimane, complici ritmi di lavoro meno serrati, mi sono dedicata alla lettura di alcuni libri femministi pubblicati recentemente. Perché no, il femminismo non va mai in vacanza! Vi… Leggi di più »

L’Italia non ha ancora fatto i conti con la violenza del suo passato coloniale

In queste ultime settimane si è riacceso il dibattito nei confronti della statua dedicata a Indro Montanelli, celebre firma del Corriere della Sera e fondatore de Il Giornale, presente all’interno… Leggi di più »

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy