Come una ragazza

28 Aprile 2015

Questa mattina, girando su facebook, ho trovato una bella foto tratta dal mitico film palombella rossa di Nanni Moretti. Riporta la famosa frase: le parole sono importanti!! 

Pensando alle parole e alla loro importanza mi è tornato alla mente un bel video che mi ha mostrato una cara amica, Elena. Il video è questo qui:

Sponsorizza un noto marchio di assorbenti. Per parlare di questo argomento la regista del documentario, Lauren Greenfield, si concentra su un concetto importante, quello di self-confidence, cioè di autostima. Secondo Greenfield gli stereotipi minano la sensazione di fiducia nelle proprie capacità e l’autostima, soprattutto nei confronti delle donne. Gli stereotipi sessisti, quindi sono causa di una sorta di disempowerment: minano poco alla volta, fino ad annullare, le risorse e le potenzialità del femminile.

Tutto ciò è ben visibile attraverso l’uso di certe espressioni. Quella che Greefnfield prende ad esempio è like a girl. La regista chiede ad un gruppo di ragazze teenager e ad un gruppetto di bambini di fare alcune cose (correre, lanciare un oggetto, combattere) come le ragazze. Sia le giovani donne che i bambini compiono azioni fortemente stereotipate: una ragazza corre piano, o in modo disarmonico, se lancia un oggetto è probabile che le cadrà sui piedi dato che non ha forza, se combatte con grande facilità sbaglierà bersaglio o starà attenta a non rovinarsi la manicure.

Subito dopo Greenfield ripropone le stesse azioni ad un gruppetto di bambine: alla sua richiesta – di correre, di combattere, di lanciare un oggetto immaginario – le bambine risponderanno facendo leva su ciò che riescono a fare meglio: correre veloce, lancioare oggetti con tutta la forza di cui dispongono, combattere con energia ed impegno.

– cosa significa per te l’espressione “correre come una ragazza”?

-significa correre più in fretta che posso.

Intervistando le bambine, si capisce che per loro quest’espressione non è affatto un insulto. Intervistando un bambino di 10 anni circa, invece, si comprende come questa frase venga usata come un insulto: “non intendo insultare mia sorella, ma è un insulto per le altre ragazze”, risponde il bambino alla domanda della regista.

Da quando, si chiede, fare qualcosa come una ragazza è diventato un insulto?

Dopo aver mostrato cosa le bambine intendono con l’espressione like a girl anche le  ragazze cambiano opinione: “mi vesto come una ragazza, nuoto come una ragazza, corro come una ragazza, mi sveglio la mattina come una ragazza…perché sono una ragazza, e in tutto questo non deve esserci nulla di male.”

Nonostante sia una pubblicità, ho trovato questo spot molto interessante. Mette in luce la pervasività degli stereotipi e il loro impatto sull’attivazione delle risorse e delle capacità di ciascun*, in particolare delle ragazze. Sconfiggerli non è impossibile: per farlo, però, è essenziale tornare indietro, ripartire dall’uso di certe parole prima che queste fossero impiegate per insultare o umiliare l’altr*. Le parole sono importanti perché spesso è attraverso di loro che si definisce il destino di una categoria e il valore delle persone.

, , , , , , , , , ,

One response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’ombrellone: 6 libri… più 1!

Nelle ultime settimane, complici ritmi di lavoro meno serrati, mi sono dedicata alla lettura di alcuni libri femministi pubblicati recentemente. Perché no, il femminismo non va mai in vacanza! Vi… Leggi di più »

L’Italia non ha ancora fatto i conti con la violenza del suo passato coloniale

In queste ultime settimane si è riacceso il dibattito nei confronti della statua dedicata a Indro Montanelli, celebre firma del Corriere della Sera e fondatore de Il Giornale, presente all’interno… Leggi di più »

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy