La “giusta distanza” nel Counselling e l’Alleanza di Lavoro

6 Novembre 2015

0b8a719bef88ca673d1af820cd0d006e

Come saprete da qualche tempo a questa parte porto avanti un progetto per conto di una Cooperativa toscana che si occupa prevalentemente di autismo e DSA. Settimana prossima incontrerò una nuova coppia genitoriale che ha richiesto di poter essere seguita per essere aiutata a “ri-centrarsi” e a “ri-scoprirsi”.

Al dì la dei dettagli, dei “tasselli del puzzle” che andremo via via costruendo con i due genitori, credo che ci sia un aspetto sul quale bisogna focalizzare l’attenzione. Per me si tratta quasi di un esercizio preparatorio: al di là del percorso che si farà, l’aspetto che non dovrà mai essere sottovalutato è il concetto di Alleanza di lavoro.

Si potrebbe, in maniera un po’ riduttiva, descriverla come quella sensazione di fiducia che si instaura tra il counsellor e l’utente che consente il buon esito dell’intervento. Mi sono interrogata più volte su questo elemento: quali sono gli elementi che la favoriscono?

  • l’assenza di giudizio: il counsellor si pone in un clima di profonda apertura col cliente che mai deve sentirsi giudicato (né con la comunicazione verbale né con quella non verbale!)
  • la possibilità di costruire un ambiente sereno: lo spazio che si crea quando l’utente decide di stipulare un contratto col counsellor dovrebbe essere il più possibile libero da pregiudizi e sereno. Ricordiamo che in AT la relazione di counselling dovrebbe costituire quello spazio e quel tempo necessari all’utente per darsi/ritrovare quei permessi che – per i più svariati motivi – ha smesso di fornirsi limitando le proprie potenzialità
  • il senso dell’okness: l’assunto di base dell’AT è che ognuno è ok. Ciò significa che ognuno ha capacità (di essere, di pensare, di veder riconosciuto il proprio punto di vista). Questo principio mi ha sempre ispirata molto. Vuol dire che non c’è superiorità tra le due figure, entrambe sono considerate importanti ed equamente rispettabili all’interno del processo di counselling.

Come fare a trasmettere tutti questi elementi che compongono l’alleanza di lavoro? e soprattutto: come si trasmettono fin dai primi minuti dell’incontro? Eh, si…perché l’alleanza si inizia a costruire subito, fin dai primi minuti del primo colloquio che, per sua natura, è il più difficile: può esserci un po’ di distanza, un po ‘ di titubanza  a parlare, ad esporsi…

Io mi sono data queste risposte:

  • accoglienza: segnalare il proprio interesse con la comunicazione non verbale (un bel sorriso “di apertura” del colloquio) permette di stabilire un primo contatto
  • operazioni terapeutiche “soft”: è facile nei primi momenti farsi prendere dalla voglia di aver chiaro il problema che spinge l’utente da noi e , di conseguenza, tartassarlo di domande. Le interrogazioni e i processi di chiarificazione, spiega Berne, servono all’interno del Counselling ma devono essere posti nel modo adeguato. Non devono essere percepiti come un’invadenza nella privacy. Nel primo incontro è corretto assecondare il sentire dell’Utente valutando passo dopo passo quanto “spingersi” all’interno delle questioni affrontate. Meglio avere un quadro ancora un po’ fumoso (ci saranno gli altri incontri per poterlo chiarire) che rischiare la nascita di una sensazione sgradevole nell’utente..che  potrebbe spingerlo a non venire più.
  • empatia; situarsi sul medesimo canale emotivo dell’utente saper cogliere le sfumature del suo racconto, sapersi fermare e dare spazio alle sue emozioni. Ricordiamoci che potrebbe essere anche la prima volta, per il nostro utente, a trovarsi a raccontare fatti privati ad una persona estranea…

In definitiva è il rispetto dei tempi e delle distanze la chiave di volta dell’intero sistema. Non può esserci alleanza senza rispetto…un po’ come insegna la storia della moderata distanza..ricordate cosa diceva Schopenhauer??
“Una compagnia di porcospini, in una fredda giornata d’inverno, si strinsero vicini, per proteggersi, col calore reciproco, dal rimanere assiderati.
Ben presto, però, sentirono il dolore delle spine reciproche; il dolore li costrinse ad allontanarsi di nuovo l’uno dall’altro.
Quando poi il bisogno di scaldarsi li portò di nuovo a stare insieme, si ripeté quell’altro malanno; di modo che venivano sballottati avanti e indietro tra due mali:
il freddo e il dolore.
Tutto questo durò finché non ebbero trovato una moderata distanza reciproca, che rappresentava per loro la migliore posizione.”

(immagine reperita in rete)

, , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

La buona madre non esiste

Il mio articolo su L’Indiscreto: (…) A ogni modo, la campagna ha riportato in primo piano un argomento interessante, la percezione sociale della maternità e della gravidanza. Per quanto oggi… Leggi di più »

Giochi da maschi, giochi da femmine

Il Tascabile ha pubblicato il mio ultimo articolo: Immaginate di prepararvi per una passeggiata. Uscite dalla vostra abitazione, attraversate l’androne del palazzo e notate sul portone d’ingresso un bel fiocco… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy