La vittoria di una donna, per le donne (e non solo)

23 Febbraio 2015

https://www.youtube.com/watch?v=L-EmDy3w1X8

E’ la vittoria di una donna per le donne, quella di Patricia Arquette.

Si è aggiudicata l’Oscar come migliore attrice non protagonista per Boyhood.

Al di là delle riflessioni cinematografiche, è il suo discorso di ringraziamento a far la differenza.  Statuetta nella mano sinistra, un foglietto stropicciato nella destra, Patricia ha voluto ringraziare le donne, in particolare:

tutte le donne che hanno partorito, tutte le cittadine e le contribuenti di questa nazione: abbiamo combattuto per i diritti di tutti gli altri, adesso è ora di ottenere la parità di retribuzione una volta per tutte, e la parità di diritti per tutte le donne negli Stati Uniti».

Sarebbe bello estendere la sua riflessione anche al panorama italiano dove il soffitto di cristallo è ancora una barriera (forse) invisibile ma inamovibile, dove la disparità salariale (qualche tempo fa avevo parlato delle differenze di cachet per i protagonisti di sanremo, ma è ravvisabile in moltissimi settori) è la perfetta sineddoche di tutte le discriminazioni – soprattutto di quelle più sottili che si esprimono nel linguaggio sessista e nelle svalutazioni  – che le donne sono costrette a subire.

E’ una battaglia per i diritti quella invocata da Arquette: discorso decisamente attuale a casa nostra dove molti dei più elementari diritti civili stentano ad essere riconosciuti.

Mi piacerebbe perciò che le donne reagissero a questa esortazione nello stesso modo in cui ha reagito una regina del cinema americano, Meryl Streep, che si è alzata in piedi approvando con gesti inequivocabili il discorso della collega.

, , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ultimi articoli

Femminismi sotto l’ombrellone: 6 libri… più 1!

Nelle ultime settimane, complici ritmi di lavoro meno serrati, mi sono dedicata alla lettura di alcuni libri femministi pubblicati recentemente. Perché no, il femminismo non va mai in vacanza! Vi… Leggi di più »

L’Italia non ha ancora fatto i conti con la violenza del suo passato coloniale

In queste ultime settimane si è riacceso il dibattito nei confronti della statua dedicata a Indro Montanelli, celebre firma del Corriere della Sera e fondatore de Il Giornale, presente all’interno… Leggi di più »

Non è revenge porn, ma violenza di massa

Su l’Indiscreto, il mio articolo riguardante il fenomeno del Revenge Porn:   Inizialmente si trattava di vendetta privata – fino a qualche anno fa, infatti, la diffusione del materiale scorreva… Leggi di più »

Alessia Dulbecco © 2020 - All rights reserved - Design by Luca Minici | Privacy Policy | Cookie Policy